domenica 23 novembre 2014

Biscotti alla farina di castagne



Autunno, tempo di castagne. A casa mia la cottura delle castagne è quasi un rito che si ripete allo stesso modo da quando ho memoria.  Si cuociono all’aperto, su fuoco vivo, e poi si portano in casa, avvolte su fogli di giornale, per poi mangiarle tutti insieme attorno a un tavolo, finendo inevitabilmente per scottarsi le dita per l’impazienza di mangiarle.
Non sono una golosa di castagne, me ne bastano una o due per saziarmi. Mi piace però sperimentare con la farina di castagne e mi attirava l’idea di usarla per farne dei biscotti. Ne sono risultati questi frollini, buoni e friabili. Da dire che di questi non me ne sono bastati uno o due per saziarmi!
   
BISCOTTI ALLA FARINA DI CASTAGNE  
(ricetta tratta da qui e modificata da me)

50 g di farina 00
100 g di farina di castagne
100 g di burro
100 g di zucchero
3 tuorli
un pizzico di sale

Preriscaldare il forno a 180°C.

Nel mixer versare i due tipi di farina, il sale e il burro. Attivare il mixer a impulsi di pochi secondi in modo da far incorporare il burro alla farina. Aggiungere quindi lo zucchero e i tuorli e azionare il mixer finchè non si forma una palla. Avvolgere l’impasto in un foglio di pellicola e far raffreddare in frigo per circa mezz’ora. Stendere poi l’impasto su una spianatoia leggermente infarinata e creare una sfoglia di 3-4 mm di spessore. Con un taglia biscotti creare dei dischi di circa 4 cm di diametro. Se lo avete, usare anche lo stampo per creare il motivo decorativo.
Disporre i biscotti su una teglia foderata di carta oleata e infornare per circa 10 minuti, o finchè iniziano a dorarsi sui bordi. Togliere dal forno e lasciar raffreddare su una grata.
 

domenica 2 novembre 2014

Crozzi 'i mottu, ovvero, ossa di morto
















































Una bella domenica di sole, una passeggiata per sgranchirsi le gambe, poi appena il sole tramonta e il freddo comincia a farsi sentire, tornare a casa e riscaldarsi con una bella tazza di tè, magari sgranocchiando questi biscotti alla cannella tipici siciliani, che si preparano tradizionalmente proprio in questo giorno.
Buona domenica sera a tutti!
 
CROZZI 'I MOTTU (OSSA DI MORTO) 
(ricetta tratta da qui e leggermente modificata da me)

200 g di mandorle tritate
200 g di zucchero
200 g di farina
1 albume
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
Un pizzico di chiodi di garofano in polvere
Vino marsala quanto basta

Preriscaldare il forno a 170°C.

In una ciotola versare le mandorle tritate, lo zucchero, la farina e le spezie. Tenere da parte.
Montare a neve l’albume e versarlo nella ciotola degli ingredienti secchi. Mescolare bene. Aggiungere quindi la marsala, un cucchiaio alla volta, fino ad ottenere un impasto compatto e lavorabile. Con l’aiuto delle mani creare un cilindro con un diametro di circa 1-2 cm di spessore e tagliarlo in strisce lunghe circa 5-6 cm.
Disporre le strisce su una teglia foderata di carta oleata e infornare per circa 20-25 minuti, o finchè i biscotti saranno dorati. Togliere dal forno e lasciar raffreddare completamente.
   

giovedì 30 ottobre 2014

Daring Bakers' Challenge Ottobre 2014: Sachertorte


















































In ritardo (di nuovo, mannaggia a me!) ma ecco la sfida della Daring Bakers di Ottobre. Korena, di Korena on the Kitchen, ci ha chiesto di preparare una torta Sacher. Ovviamente ho accolto con entusiasmo questa sfida. Ho avuto la fortuna di assaggiare questo dolce proprio all’hotel Sacher di Vienna, dove si dice sia stato inventato, e mi ero sempre ripromessa di rifarlo a casa. Finalmente l’occasione è arrivata! Consiglio di accompagnare una fetta di questo dolce con un tè aromatizzato all’albicocca, così come servito al famoso Caffè viennese.
 
SACHERTORTE (per un dolce del diametro di 24 cm)

125 g di cioccolato fondente
125 g di burro morbido
125 g di zucchero a velo
6 uova grandi, tuorli e albumi separati
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
100 g di zucchero semolato
125 g di farina 00
1 pizzico di sale

Per la glassa di gelatina di albicocca:

400 g di gelatina di albicocca
2 cucchiai di rum

Per la glassa di cioccolato:

200 g di zucchero semolato
120 ml di acqua
115 g di cioccolato fondente

Preriscaldare il forno a 190°C.
Fondere il cioccolato a bagnomaria e lasciar intiepidire.
Mescolare il burro con lo zucchero a velo fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungere quindi uno a uno i tuorli e amalgamare bene. Aggiungere il cioccolato fuso e l’estratto di vaniglia.
In una ciotola a parte montare a neve gli albumi con 2 cucchiai di zucchero semolato. Una volta montati, aggiungere gradatamente il resto dello zucchero continuando a sbattere con le fruste. Continuare finchè lo zucchero si sarà completamente dissolto e il composto sarà bello lucido e formerà dei ciuffi. Versare un terzo degli albumi nel composto di cioccolato e mescolare energicamente. A questo punto incorporare delicatamente il resto degli albumi. Infine incorporare anche la farina setacciata insieme al pizzico di sale.
Versare il composto in una tortiera e infornare per circa 40 minuti, o finchè uno stuzzicadenti infilato nel centro del dolce ne esce pulito.
Togliere dal forno e lasciar raffreddare completamente. Capovolgere la torta e tagliarla in due ottenendo due dischi.

Preparare la glassa di gelatina di albicocca:
versare in una pentola la gelatina insieme al rum e far scaldare finchè la gelatina non è liquida. Passare la gelatina al setaccio in modo da togliere eventuali pezzi di frutta.
Versare metà del composto sul disco inferiore della torta. Chiudere con il restante disco, facendo in modo che il fondo della torta, più liscio e regolare, resti verso l’alto. Utilizzare il resto della gelatina per glassare la superficie e i lati del dolce, aiutandosi con una spatola. Lasciar raffreddare bene.

Nel frattempo preparare la glassa di cioccolato:
Versare l’acqua e lo zucchero semolato su un pentolino. Portare a ebollizione e lasciare sul fuoco finchè lo sciroppo non raggiunge i 112 °C (serve un termometro da pasticceria).
Versarvi quindi il cioccolato tagliato a pezzi e mescolare finchè questo non si sarà completamente sciolto. Versare quindi la glassa sul dolce e distribuirlo uniformemente.
Lasciar raffreddare completamente.

The October Daring Bakers’ challenge was brought to us by Korena of Korena in the Kitchen. She took us to Austria and introduced us to the wonders of the Sachertorte.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails